Posted by: tonuzzu | 28/09/2008

Toto Morfosi

Fu dopo aver fatto per l’ ennesima volta lo stesso sogno, che Antonio Marco G., un lunedì di mattina presto, si risvegliò nella sua camera, in Sicilia, trasformato nell’ onorevole Salvatore Cuffaro, detto Totò, ex presidente della Regione Siciliana. Antonio Marco G. riposava supino come d’ abitudine, ma quella mattina, appena aperti gli occhi, fu scosso da un brivido che gli attraversava la schiena. Era tutto bagnato in un sudore freddo e vischioso, da malato. “Avrò la febbre” pensò, toccando il lenzuolo che gli aderiva appiccicoso al corpo. Ma quando, nel pieno del torpore che segue un sonno pieno ma non soddisfacente, alzò la testa per vedere che ora fosse, si accorse che la sua pancia era gonfia come non lo era mai stata, a tal punto da far prendere alle coperte la forma di una collinetta. Vinto, si lasciò cadere la testa sul cuscino come chi, appena sveglio, prende coscienza che lo aspetta una giornata piena di problemi e vuole concedersi ancora qualche minuto prima di affrontarla. “Cominciamo bene” pensò, la giornata si presentava più difficile del previsto, ma tanto valeva alzarsi. Chi non si alza non fa l’ amore. Ma con quella imbarcazione da diporto al posto della panza fu quasi impossibile alzarsi.
Pensò ai suoi amici e per scongiurare l’ evidenza di quella esuberante rotondità scrisse da qualche parte: “ Buttatemi in acque extraterritoriali”.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Categories

%d bloggers like this: