Posted by: tonuzzu | 12/06/2008

Azionariato critico contro Enel



Roma, Italia — Questa mattina attivisti di Greenpeace “in giacca e cravatta” hanno consegnato un regalo a Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel, in occasione dell’assemblea degli azionisti del Gruppo. All’interno dell’assemblea, Fondazione Culturale Responsabilità Etica – con il sostegno di Greenpeace e CRBM (Campagna per la riforma della Banca Mondiale) – è intervenuta per portare all’attenzione degli investitori un documento di forte critica alla politica energetica di Enel pro carbone e pro nucleare.

In Italia Enel ha intenzione di arrivare a coprire il 50% della propria produzione elettrica da carbone, il combustibile con le più alte emissioni di gas serra. La sola conversione a carbone della centrale di Civitavecchia comporterà l’emissione in atmosfera di oltre 10 Mt di tonnellate di CO2 ogni anno, mentre il Paese dovrebbe ridurle di 100 Mt al 2012 per rispettare gli obiettivi di Kyoto.

Greenpeace critica fortemente anche la decisione di riversare 1,9 miliardi di euro nel completamento di due pericolosi reattori nucleari sovietici a Mochovce, in Slovacchia. Si tratta di reattori di seconda generazione anni ’70 che non hanno alcun guscio di contenimento in grado di proteggerli da un incidente grave, come in caso di attentati terroristici. Per questo alcuni attivisti hanno consegnato a Fulvio Conti un plastico dei reattori di Mochovce distrutti dall’impatto di un aereo.

<a href=”“>


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Categories

%d bloggers like this: