Posted by: tonuzzu | 16/05/2008

Crisi dei cereali


Nel 1972 cattive condizioni metereologiche fecero schizzare al rialzo il prezzo dei cereali. Una annata pessima nei territori della vecchia Unione Sovietica aveva infatti fatto duplicare il prezzo del grano, del riso e del mais a livello globale. L’attuale aumento dei cereali è invece da ricercare altrove e soprattutto in una domanda eccessivamente crescente e in una offerta che stenta a soddisfare chi ha fame.
Rispetto alla domanda: ogni anno la popolazione mondiale aumenta di 70 milioni di persone, e circa 4 milioni di esse vogliono collocarsi nei gradini più alti della catena alimentare, consumando maggiori quantitativi di carne. L’ aumento della domanda di carne infatti sta facendo aumentare spropositatamente la domanda di grano. A tutto questo si deve aggiungere l’ uso dei cereali per produrre etanolo per far camminare le automobili (gli Stati Uniti dal 2005 al 2007 sono passati dal produrre 20 milioni di tonnellate a 50 milioni di tonnellate)
Dal lato dell’ offerta invece diminuiscono le quantità prodotte perché diminuisce la terra arabile. I terreni utili, seppur strappati alle foreste equatoriali diminuiscono. La terra arabile è assediata dai disboscamenti e dalla relativa erosione, dalla costruzione di case, di industrie, di strade pavimentate.
I raccolti marciscono con estrema facilità per le ondate di calore, per le tormente distruttive e per lo scioglimento dei ghiacciai delle montagne.
La tecnologia agricola, (macchinari, fertilizzanti e pesticidi) che aveva fatto aumentare la produttività mondiale dal 1950 fino al 1990, non è più in grado di farlo.
È una situazione con cui mai ci siamo confrontati. La sicurezza alimentare del pianeta non è una cosa ovvia, se essa non si può stabilizzare rapidamente, il malessere e l’ instabilità politica si possono allargare ed è probabile che il numero di stati insicuri aumenti spettacolarmente, mettendo in pericolo la stabilità della stessa civiltà.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Categories

%d bloggers like this: